TRE MILIARDI DI EURO ALLA CRIMINALITA’ IL GRANDE AFFARE DEI MIGRANTI

  • 6/7/2017 3:00:03 AM
  • Redazione

TRE MILIARDI DI EURO ALLA CRIMINALITA’ IL GRANDE AFFARE DEI MIGRANTI

Soldi per tutti. Dai trafficanti di uomini che affollano le coste della Libia fino ai faccendieri ed ai mafiosi che lucrano sulle strutture di accoglienza allestite in Calabria e Sicilia. L'operazio­ne della Dda di Catanzaro sul "Cara" di Isola Capo Rizzuto ap­pare illuminante: la'ndranglie­ta strumentalizza le associazio­ni di volontariato, utilizza i sa­cerdoti, costituisce società di servizi in combutta con impren­ditori senza scrupoli per lucrare denari persino dai migranti in fuga dalla povertà, dalla care­stia, dal fondamentalismo isla­mico e dalle guerre. Andiamo a numeri per meglio comprende­re la portata del fenomeno. So­no stati ben 652.337 i migranti sbarcati sulle coste a "maggiore controllo" della criminalità or­ganizzata italiana dal 2011, al 19 maggio 2017. In particolare, elaborando i dati dell'UNIICR, sono stati oltre 486 mila i mi­granti arrivati via mare in Sici­lia, poco meno di 100 mila gli immigrati sbarcati sulle coste calabresi, circa 50 mila i flussi di migranti che hanno toccato le coste della Puglia e poco più di 18 mila, infine, i migranti approdati sulle coste campane. Un fenomeno crescente in maniera esponenziale soprat­tutto negli ultimi anni. Nel trien­nio 2014-2016, in particolare, si sono registrati quasi 610 mila sbarchi, pari all'80% del dato complessivo al netto dei primi mesi del 2017, a fronte dei 118 mila sbarchi monitorati nel triennio precedente (2011-2013), con un incremen­to più che rilevante pari a oltre 313 punti percentuali. Ma quanti soldi entrano nelle casse delle organizzazioni che gover­nano i flussi migratori verso l'I­talia? La stima la offre un inte­ressante studio scientifico com­piuto dall'istituto di ricerca "De­moskopika", diretto da Raffaele Rio. I gruppi criminali transnazionali, soprattutto di matrice etnica, hanno incassato oltre 3,9 miliardi di curo pari media­mente a circa 4,5 milioni di curo al giorno nell'arco temporale analizzato che va dal 2011 al 19 maggio 2017. Un introito illeci­to ottenuto – secondo l'istituto di ricerca – moltiplicando il co­sto medio di 6 mila curo che cia­scun migrante è costretto a pa­gare per poter lasciare il proprio paese d'origine nella speranza di realizzare il sogno di sbarcare sulle coste italiane, «Queste sti­me - precisa Raffaele Rio – sono calcolate, senza alcun dubbio, per difetto, poiché riguardano solo il numero di migranti sbar­cati e intercettati sulle coste ita­liane, non prendendo in consi­derazione sia le migliaia di mi­granti che riescono a raggiungere l'Italia sfuggendo ai controlli delle forze dell'ordine e sia le vittime che non riescono ad arri­vare in Italia». Analizzando il giro d'affari per "aree a maggiore controllo" della criminalità organizzata italiana, emerge che i guadagni illeciti incassati dai trafficanti raggiungono complessivamente  oltre 3.914 milioni di curo: 2.918 milioni di curo per gli sbarchi in Sicilia, 594 milioni di curo per i migranti approdati nelle coste della Calabria, 293 milioni in Puglia e, infine, 109 milioni in Campania. Quanto poi fruttino i migran­ti alla 'ndrangheta emerge con assoluta chiarezza dall'inchie­sta sul "Cara" di Isola Capo Riz­zuto. Persino il superboss Nico­lino Grande Aracri è stato inter­cettato mentre discetta con i sot­toposti sugli introiti derivanti dalla gestione dei servizi da of­frire agli ultimi degli ultimi. «Po­tete incassare quattro o cinque­centomila euro alla volta» dice il padrino ai consociati. E, infatti, è tutto un fiorire di appalti e su­bappalti intorno alla grande struttura del crotonese. Non so­lo: i clan eternamente in guerra sanciscono la pace per meglio "gestire" le cose. Al banchetto della solidarietà partecipano tutti: mafiosi, faccendieri, im­prenditori e preti. A Roma – co­me dimostra l'inchiesta "Mafia Capitale" – ad Isola Capo Rizzu­to e in tante altre realtà dove an­cora, però, la magistratura non s'è mossa con il giusto piglio.

Dalla Gazzetta del Sud



Commenti