RIESPLODE LA PROTESTA DEI CITTADINI PER IL CARO “LOCULI”

  • 10/27/2018 2:16:10 AM
  • Redazione

Non si placa affatto la diatriba per i costi dei loculi del cimitero, ritenuti imparzialmente al­quanto esagerati. Due metri quadrati cinquemila euro! Dav­vero una somma sproporziona­ta. Per questo nel maggio scorso si costituì un Comitato pro-suo­li che adesso diffida il Comune, avvertendolo che adirà le vie le­gali «qualora il costo non fosse ridimensionato». Ieri, però, dal Municipio flo­rense hanno fatto sapere che è difficile "ritornare" sulla vexata quaestio. Primo perché c'è stato tutto un iter: «Commissione che ha votato unanime; delibere ap­provate; bando pubblicato; gra­duatorie; ed ora contratti già po­sti in essere con decine di citta­dini». E ancora, «i prezzi pratica­ti sono i più bassi che in ogni Co­mune della Calabria». Frasi che comunque non con­vincono soprattutto decine di anziani, che "aspirando" singo­larmente a costruirsi "l'ultima dimora", sono costretti a sborsa­re 5 mila per il modestissimo suolo; ancora, poi, altre 5/6mila euro per costruirlo ed ancora per rifinirlo atre 7/8mila euro. E si arriva sui 20mila euro. Troppi!, perlopiù per tanti anziani la cui gran parte è tito­lare di modestissime pensioni, dopo una vita di emigrazione. Al di là di ogni ragionevole motivazione il costo è e rimane esagerato e volendo andare in­dietro nel tempo, sono ora — co­me sempre accade — i cittadini a pagare. La causa principale sa­rebbe riconducibile al dissesto dell'Ente (che ancora persiste) che ha pure influito su ogni tri­buto e tariffa. Al costo sproporzionato an­che la beffa, dove sono stati in­dividuati i loculi, ci sono punti in cui il terreno non è solido, ma — come hanno riferito alcuni membri del Comitato — formato da terra di riporto: «Evidente che lì si rende necessaria una piattaforma, prima di iniziare la pur modesta costruzione. Come dire un altro costo aggiuntivo». E su questo il Comune è chia­mato a rimediare perché nessu­no — ovvio — vuole che gli sia "as­segnato" il suolo su quella pen­dio. Già, perché se riuscisse a ven­dere i 525 loculi (di cui al bando 12.558 del 12 luglio 2016) incas­serebbe quasi 2 milioni e 700 mila euro. Ma sin qui al bando la rispo­sta è per metà e sfumano i pro­positi di abbellire il cimitero e quant'altro. Nel frattempo è tor­nata d'attualità la questione dei loculi il cui costo è ritenuto troppo alto.

Dalla Gazzetta del Sud

 



Commenti