PIANO DI INSERIMENTO LAVORATIVO DEI DISOCCUPATI DEL CCLD : RINVIATO ALLE CALENDE GRECE

  • 9/28/2017 7:53:30 AM
  • Redazione

L’ultimo approccio tra il Comitato cittadino per il lavoro di­gnitoso (Ccld) e l'Assessorato al lavoro delle Regione Cala­bria risale al 9 giugno scorso. In quella occasione fu spie­gato alla delegazione dei sen­za lavoro della cittadina flo­rense che il Piano di finanzia­mento per cooperative in am­bito boschivo sarebbe scaduto lunedì scorso 31 luglio. Adesso è arrivata la proroga al 18 settembre e il Comitato locale scalpita, perché non ci sarebbe «rispetto da parte dei dirigenti regionali verso i di­soccupati e la democrazia compiuta». Insomma, come evidenzia il leader dei disoccupati, Paolo De Marco, la prima scadenza era fissata a fine aprile; poi slittò a fine maggio, ed ancora a fine giugno; ancora un'ulte­riore slittamento era fissato per fine luglio, «ed ora – dice amareggiato l'economista ita­lo-canadese De Marco – a set­tembre». E non ci fu nessuna consultazione, né fu convoca­to alcun il tavolo tecnico «co­me programmato un anno fa dalle parte e al vertice parteci­pò direttamente il prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao». Ed affonda i bisturi De Marco "denunciando" questo modo di fare che ha contribuito a mantenere la Calabria ai mar­gini e in una condizione di sot­tosviluppo, «perché – termina – i cittadini e perlopiù i disoc­cupati non si trattano così». Sia l'assessore regionale al lavoro Federica Roccisano, sia i vertici di quel diparti­mento, ebbero a dichiarare fattibili i progetti che presen­tò il Comitato locale. Da lì la speranza concreta che inizias­se un nuovo percorso non più in forma assistenziale, ma in modo partecipativo. Poi i rin­vii, con i disoccupati che at­tendono e con ormai un'altra estate alla spalle.

Dalla Gazzetta del Sud



Commenti