LOPEZ DENUNCIA ILLEGALITA’ NELLA NOMINA DEL NUOVO RESPONSABILE DI RAGIONERIA

  • 3/11/2017 2:40:08 AM
  • Redazione

Ancora accuse all'Amministrazione Co­munale da parte del consigliere di oppo­sizione Antonio Lopez che nella giorna­ta del 16 febbraio u.s. protocollava una richiesta di spiegazioni al Sindaco circa l'incarico di successore del rag. Francesco Scigliano come responsabile di ragioneria del Comune di San Giovanni in Fiore. Nella sua richiesta l'esponente di Fratelli d'Italia racconta un episodio di cui è sta­to direttamente testimone: “ la mattina mi sono recato all’ufficio di ragioneria del Comune e nella stanza del responsabile trovo il sig. Martino Emilio in compagnia del responsabile uscente rag. Scigliano, della responsabile del servizio tributi d.ssa Bitonti e dell’assessore al bilancio Gerardo Longo. Costoro stavano fornendo delicate informazioni sul funzionamento dell’ufficio di ragioneria al sig. Martino, il tutto senza che lo stesso abbia ancora ricevuto alcuna investitura ufficiale di responsabile del servizio di ragioneria, visto e considerato non sono stati ufficializzati i risultati della selezione, che non c’è stata nomina alcuna in quanto nessun contratto è stato stipulato anche alla luce  del fatto che Commissione competente non si è ancora espressa in merito, autorizzazione necessaria considerando lo stato di dissesto del nostro Comune. Ho chiesto spiegazioni ai presenti, spiegazioni che non ho avuto in maniera convincente”. Nel documento protocollato da Lopez parla apertamente di selezione avvenuta senza il benché minimo rispetto dei criteri di trasparenza e di imparzialità ”visto che il nome del vincitore circola sulla stampa locale ancora fin prima che la selezione venisse indetta. Si tratta di un fatto immorale, politicamente scorretto e che presenta marcati profili di illegalità”. Nel concludere il suo scritto, Lopez evidenzia il modo maldestro ed approssimativo tenuto da esponenti di questa Giunta di cui chiederà le dimissioni in Consiglio, riservandosi di presentare esposto alla Procura nel caso in cui le spiegazioni che otterrà dal Sindaco non dovessero essere ritenute valide.  



Commenti