BOLLETTE, PEDAGGI E TARIFFE. LA STANGATA DI CAPODANNO I CONSUMATORI: 952 EURO DI RINCARI A FAMIGLIA.

  • 1/20/2018 3:28:01 AM
  • Redazione

Al casello. Non ci sono ancora cifre ufficiali ma in base ai criteri generali con cui il governo riconosce di anno in anno maggiori introiti alle compagnie autostradali l’Adusbef si aspetta per questa voce un rincaro medio di 40 euro per automobilista

 

LUIGI GRASSIA

Con l’anno nuovo arrivano raffiche di rincari sulle bollette, sui pedaggi e sulle altre tariffe: l’Adusbef prevede 591 euro aggiuntivi per queste voci, che salgono a +952 euro sulla famiglia italiana media aggiungendo le spese extra per i prodotti di consumo. E Nomisma Energia fa sponda vaticinando un +5% nelle bollette del gas dal mese di gennaio e un +3,5% in quelle della luce, come assaggio di un anno tutto in crescita per l’energia, inclusi i carburanti. Considerato poi che i costi della benzina, del gasolio auto, dell’elettricità e del metano sono pervasivi e si scaricano sui prezzi finali di quasi tutti i prodotti e i servizi comprati e venduti, ecco la facile profezia di un 2018 di inflazione vivace. 

 

Quanto al giudizio di merito i pareri sono divisi: gli economisti più attenti all’approccio «macro» apprezzano il movimento generale al rialzo, dopo anni di guerra della Bce e dei singoli governi dell’Ue alla deflazione. Dall’altra parte delle barricata ci sono le famiglie italiane, che vedono i loro conti appesantirsi. Assumendo il loro punto di vista, l’Adusbef prevede +361 euro per consumi di beni vari e +591 euro per le tariffe 2018, tariffe che dipendono da scelte politiche o amministrative, da prendere in base a linee-guida già stabilite; concentrando l’attenzione su questi 591 euro, la prima responsabile dei rincari è l’energia, e non solo per la rimonta internazionale del petrolio: l’Adusbef punta il dito sulle «bollette della luce destinate ad aumentare per 22 milioni di famiglie su 29 milioni totali dal 1° gennaio, a causa di una riforma delle tariffe che penalizza gli utenti con minori consumi». Elettricità e metano ci costeranno 68 euro in più e l’acqua 45 euro in più. L’associazione calcola poi rincari medi di 25 euro per le assicurazioni auto, +40 sui pedaggi autostradali, +97 sugli altri costi di trasporto, +49 la Tari, +156 euro le tariffe professionali e artigianali, +55 euro i ticket sanitari, +18 le tariffe postali e +38 euro i costi bancari. 

 

Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, vede soprattutto nel prezzo del petrolio la spinta a un rialzo generale dei prezzi: «In giornata un attacco a un oleodotto ha colpito la Libia riducendone di 260 mila barili al giorno la capacità di export. Ma a parte incidenti del genere, come quello al gasdotto in Austria pochi giorni fa, è tutto il sistema dell’energia che è sotto pressione. Il mondo consuma sempre più petrolio, ogni anno +1,5 milioni di barili al giorno, l’Arabia Saudita appare molto determinata a tenere sotto controllo la produzione, e così l’eccesso di offerta che aveva colpito il mercato negli scorsi anni è stato riassorbito, nonostante il boom dello “shale oil” americano». Ieri il Wti americano ha rivisto i 60 dollari per barile e il Brent europeo i 67, ma secondo Tabarelli non finirà qui: «Prevediamo un 2018 di greggio in rialzo e una forte carenza di petrolio sul mercato entro un anno o due. Negli anni di vacche magre fra il 2014 e il 2016 gli investimenti in trivellazioni sono scesi del 60% e questo causerà una crisi dell’offerta. Oltretutto la finanza torna a investire su petrolio e materie prime, che hanno prezzi bassi rispetto alle medie storiche, mentre le Borse sono ai massimi. In questo momento la finanza globale può investire solo in Bitcoin o in petrolio, e questo amplierà la fluttuazione al rialzo sul prezzo del barile».

... dalla STAMPA Economia



Commenti